Sindrome del Piriforme: cause e sintomi del disturbo

La sindrome del piriforme è una condizione che coinvolge il muscolo omonimo e che prevede un’irritazione o compressione di questo sul nervo sciatico dopo un trauma oppure una contrattura.

Il muscolo piriforme si presenta di forma triangolare e si trova nella parte più bassa della natica quindi nella zona posteriore del grande gluteo.

Il muscolo ha origine dall’osso sacro e si collega al femore omolaterale, questo fa parte del gruppo dei rotatori esterni dell’anca e serve per assistere appunto alla sua rotazione. Grazie al muscolo piriforme è possibile girare in modo corretto il piede e la gamba verso l’esterno.

Quando si presenta la sindrome del piriforme infatti si possono avere problemi di deambulazione corretta, spasmi, dolore a livello del gluteo, formicolio, intorpidimento e dolore nella zona dell’ernia del disco.

Cause sindrome del piriforme

La sindrome del piriforme sovviene nel momento in cui il muscolo è interessato dall’accorciamento o da un allungamento eccessivo di questo muscolo.

La maggior parte dei pazienti che sono affetti da questa sindrome sono stati colpiti in precedenza da episodi traumatici all’anca, alla natica e anche nella zona inferiore della schiena.

Le cause precise di questa sindrome sono sconosciute ma ci sono alcune ipotesi effettuate da vari medici, le principali prevedono: anomalie dei nervi totali o parziali, iperlordosi di tipo lombare, anomalia muscolare e ipertrofia, la fibrosi che proviene da un trauma e infine l’eccessiva attività sportiva.

Queste cause la possono scatenare singolarmente o agire anche insieme sulla sindrome del piriforme causando così un forte dolore ai glutei e anche un fastidio nella zona del nervo sciatico che è proprio adiacente al muscolo piriforme.

Le lesioni della sindrome del piriforme derivano d’attività che vengono svolte ad esempio quando si è seduti, oppure l’impiego intenso delle gambe durante sport come ad esempio il ciclismo o il canottaggio.

La sindrome potrebbe essere causata anche da una pronazione eccessiva del piede, in questo caso il muscolo si contrae in modo ripetuto ad ogni passo.

Sintomi sindrome del piriforme

I sintomi della sindrome del piriforme si possono manifestare man mano che l’infiammazione e l’allungamento del muscolo peggiora. I principali sintomi sono un dolore molto intenso e profondo nella zona del gluteo e in quella delle natiche.

Nel tempo la sindrome può portare anche a formicolio, debolezza muscolare, intorpidimento nella zona lombare e anche in quella posteriore della coscia, infine il dolore può scendere sino a raggiungere prima il polpaccio e poi il piede.

Man mano che il dolore aumenta s’iniziano ad avere problemi a camminare, a girare l’anca oppure la gamba verso l’esterno.

I sintomi della sindrome del piriforme possono peggiorare quando invece di trattarla si continua a camminare molto, fare un’eccessiva attività fisica, oppure nel caso in cui si sta seduti per molte ore.

Sindrome del piriforme: rimedi e trattamenti

Il trattamento per la sindrome del piriforme permette di migliorare le condizioni previste dai suoi principali sintomi. Il medico sceglie la terapia più idonea in base alla sintomatologia ma anche a seconda della anamnesi del paziente e anche allo stile di vita che conduce.

Infatti, il dottore nei casi più lievi consiglia di evitare determinate azioni, di utilizzare una sedia ergonomica a lavoro e di riposare più tempo possibile in posizione supina sino a quando il dolore non affievolisce.

Inoltre, si sconsiglia caldamente l’esercizio fisico intenso e la pratica di sport che incidono negativamente sul muscolo come il body building, il canottaggio, la boxe, la ginnastica artistica, il nuoto, sino a quando il dolore non è passato del tutto.

In caso di dolore intenso, il medico può consigliare oltre a un cambio delle abitudini per far riposare la schiena, anche degli antidolorifici, iniezioni di corticosteroidi, rilassanti muscolari tramite iniezione.

Possono essere impiegate però anche delle terapie meno intensive come la ionoforesi una terapia consigliata anche per l’infezione del nervo sciatico.

Se il dolore al muscolo piriforme continua in modo persistente nel tempo allora dopo anni di fastidi è possibile che il medico consigli un intervento chirurgico che permetta di alleviare la pressione di questo sul nervo sciatico.

Infine, un trattamento complementare a quelli illustrati è lo stretching per il rafforzamento dei gruppi muscolari che sono interessati dalla sindrome del piriforme. Questi esercizi sono caldamente consigliati agli sportivi che devono fermarsi a causa di questa patologia dalla loro tradizionale routine fisica.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *